Mani sulla Sanità è un viaggio nella sanità pubblica dell’Emilia-Romagna, tra ospedali presidiati H24 e Comitati di Cittadini che si stanno opponendo ai tagli al welfare che sono stati effettuati sul territorio regionale, da parte della giunta Pd, Sel, Idv, Fds del governatore Vasco Errani. “Mani sulla Sanità – spiegano i curatori – vuole far luce su una delle scelte politiche più pericolose per i servizi pubblici che siano accadute negli ultimi anni, dando forma e rappresentazione a realtà resistenziali in lotta contro lo stralcio del diritto alla cura e all’assistenza pubblica e gratuita.

Un lavoro documentaristico nato dopo l’annuncio della chiusura e dell’eliminazione di alcuni servizi negli ospedali e nei poliambulatori di Bologna. Un’opera di inchiesta pensata per l’opinione pubblica, unica vera vittima di questa manovra di tagli ai danni della Sanità Pubblica, perché, appunto, “pubblico” è la parola che si aggira come un fantasma in mezzo alla nuova scena politica, che vede amministratori e direttori amministrativi crocifiggere la Sanità di tutti”. “Anche se i numeri e i dati ancora non vengono resi noti dagli amministratori dell’Emilia Romagna – continuano gli organizzatori -, Mani sulla Sanità ha lo scopo di togliere e abbattere il muro di questo silenzio, informando i cittadini della Regione, e non solo, dei tagli che si stanno effettuando, di chi siano i mandanti e chi gli esecutori e quale sarà la sorte del diritto alla salute sancito dall’art. 32 della Costituzione

Un documentario per capire quale sarà il futuro della Sanità Pubblica. Indygroundfilm è un collettivo che realizza progetti audiovisivi di informazione alternativa e documentaristica sociale. Nasce nell’ottobre 2013 da un’idea di Giuliano Bugani e Daniele Marzeddu e vede l’aggiungersi, nel 2014, di Raffaella Gamberini e Barbara De Biasi.